Anello del Bitto - Prima tappa

Da Morbegno al Rifugio Bar Bianco

Indietro (torna alla pagina introduttiva)

 

Al Rifugio Bar Bianco si può arrivare sia direttamente da Morbegno, sia da Rasura (raggiunta con il pullman della linea A15  STPS).

 

1. DA MORBEGNO (itinerario descritto in linea generale; relazione in preparazione). Si prende l’Antica strada della Val Gerola che parte dal tornante (260 m c.a) all’inizio della strada che da Morbegno sale in Val Gerola. Seguendo questo itinerario si raggiunge Sacco (700 m; frazione di Cosio Valtellino) e, passando per la chiesetta di San Bernardo (770 m c.a), si sale al Rifugio Della Corte (1268 m; ore 3,00 da Morbegno). Da qui si raggiunge il Rifugio Bar Bianco  seguendo il sentiero 141 (ore 1,30 dal Rifugio della Corte; ore 4,30 da Morbegno).

 

2. DA RASURA. Con il pullman di linea si sale a Rasura, scendendo alla seconda fermata, davanti al caratteristico edificio con portico a colonne al pian terreno (800 m c.a). Proprio dalla fermata (sul lato a monte della strada) si imbocca una lunga scalinata (via Prato) e si raggiunge una stradina: la si segue verso sinistra e poi si prende la seconda scalinata a destra (via Scura) che raggiunge una stradina asfaltata. La si segue verso sinistra, poi si sale a destra un’altra scalinata e quindi si segue a sinistra una nuova stradina che porta ad una piazzetta asfaltata con piccolo parcheggio. Traversata la piazzetta e la successiva via Costa (asfaltata), si imbocca una stradina col fondo in pavé (cartello in legno con l’indicazione per la Chiesetta di San Rocco). Si arriva subito davanti a una casa con un affresco della Vergine: si imbocca la breve scalinata subito a destra di questa casa e si arriva in un viottolo che raggiunge in breve una stradina asfaltata lungo la quale, verso Sud. si arriva sulla strada asfaltata che sale da Rasura (via Ronco Vecchio). Si segue questa strada verso destra e si arriva al tornante (900 m c.a) da cu si stacca a destra la strada che conduce al Centro Polifunzionale (cartello indicatore). Si prosegue a sinistra lungo la strada principale e si continua lungo di essa anche dopo il secondo tornante (destrorso; poco più avanti la strada entra nel bosco di conifere); subito dopo il terzo tornante (sinistrorso), si imbocca sulla destra (980 m c.a) un sentiero che, riporta sulla strada asfaltata cento metri più in alto. Si segue la strada verso destra e, dopo poco decine di metri, sulla sinistra, si ritrova il sentiero (qualche indicazione sbiadita: segnavia rosso-bianco-rosso col n. 124; indicazione per il Rifugio Bar Bianco). Si sale lungo il sentiero che diviene presto un’ampia mulattiera e procede verso Sud fino alla prima bella baita della località Larice di Sotto (in questo tratto si incontrano due sentieri che si staccano dalla mulattiera verso destra: io li ho ignorati entrambi, attenendomi al percorso segnato con frecce bianche, che sono il segnavia prevalente lungo questo sentiero). Si sale a destra e si raggiungono le altre baite di Larice di Sotto (1190 m c.a); girando a sinistra, si passa tra le baite (fontanella subito dopo) e si raggiunge una stradina sterrata. Si gira a sinistra e subito si prende un sentierino che si stacca sulla destra e ne raggiunge uno più largo: si va a destra e, prima delle case di Larice di Sopra (fontanella; 1230 m c.a; piccolo cartello con la scritta Bar Bianco), si sale a sinistra lungo un sentierino che raggiunge una baita isolata e, poco sopra, arriva ad un bivio: si sale a destra lungo la traccia principale e si raggiunge una bella radura pianeggiante (1325 m c.a) dove si trovano alcuni tavoli, una fontanella, una cappelletta e due baite (siamo poco sopra la località Ciani). Il sentiero riprende sul lato occidentale della radura, dietro una delle baite, e in breve raggiunge un bivio segnalato (cartelli indicatori). Si lascia a sinistra il sentiero 139 diretto alle Alpi Combanina, Combana e Stavello e al Lago di Trona, e si prosegue diritti  nel bosco (sentiero 124 per la Cima della Rosetta). Si prosegue diritti anche dove le frecce bianche invitano ad andare a destra e si raggiunge il bel poggio dove sorge il Rifugio Bar Bianco (1506 m secondo i cartelli in loco; 1522 m secondo la cartina dell’editrice SeTeMap; ore 2,00 da Rasura).

 

NOTA. Una più attenta lettura della cartina mi fa ritenere che si possa ridurre il tratto lungo la strada asfaltata che sale da Rasura. Una volta arrivati al tornante a quota 900 m c.a, invece di girare a sinistra, si va a destra verso il Centro Polifunzionale. Dopo poco meno di cento metri, si dovrebbe incontrare sulla sinistra l'inizio del sentiero che sale e arriva di nuovo sulla strada asfalta poco prima del terzo tornante (subito dopo il quale si riprende il sentiero dell'itinerario descritto qui sopra).

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

Cliccare su una delle tre immagini per accedere alla galleria fotografica completa.

Indietro (torna alla pagina introduttiva)    Avanti (passa alla seconda tappa)